.feed-links { display:none; } -->
Italy English Español Portugeus Belgium Netherland Français Deutsch Israel Seguci su: Twitter Seguci su: Facebook Seguci su: Twitter Instagram IN RETE DAL 2005

Perché Dio ha tanto amato il mondo che, ha dato il Suo Unigenito Figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia vita eterna. Giovanni 3:16 |

giovedì 20 ottobre 2016

La Seconda Venuta Di Cristo Dopo La Grande Tribolazione

Il sermone profetico (seguito): La venuta del Figlio dell'uomo.
Subito dopo la tribolazione di quei giorni,il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce,gli astri cadranno dal cielo e le potenze dei cieli saranno sconvolte.
Allora comparirà nel cielo il segno del Figlio dell'uomo e allora si batteranno il petto tutte le tribù della terra, e vedranno il Figlio dell'uomo venire sopra le nubi del cielo con grande potenza e gloria. Egli manderà i suoi angeli con una grande tromba e raduneranno tutti i suoi eletti dai quattro venti, da un estremo all'altro dei cieli. Mt.4:29-31.
Cristo ritornerà in questo mondo in maniera visibile, con il corpo glorioso della risurrezione, tanto che il mondo intero Lo vedrà.Egli verrà con potenza, insieme ai santi ed ai Suoi angeli, per giudicare tutte le creature umane e portare a compimento il regno di Dio.
Ecco, egli viene con le nuvole e ogni occhio lo vedrà; lo vedranno anche quelli che lo trafissero, e tutte le tribù (tutti i popoli) della terra faranno lamenti per lui. Sì, amen. Ap.1:7.
In un momento, in un batter d'occhio, al suono dell'ultima tromba. Perché la tromba squillerà, e i morti risusciteranno incorruttibili, e noi saremo trasformati. 1Cor.15:51-52.
In quel giorno suonerà una gran tromba; quelli che erano perduti nel paese d'Assiria e quelli che erano dispersi nel paese d'Egitto verranno e si prostreranno davanti al SIGNORE, sul monte santo, a Gerusalemme. Is.27:13.

I MORTI RESUSCITERANNO I PRIMI, POI I VIVENTI, QUELLI che, hanno resistito durante la grande Tribolazione. SARANNO MUTATI.
Perché il Signore stesso, con un ordine, con voce d'arcangelo e con la tromba di Dio, scenderà dal cielo, e prima risusciteranno i morti in Cristo; poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo rapiti insieme con loro, sulle nuvole, a incontrare il Signore nell'aria; e così saremo sempre con il Signore. Consolatevi dunque gli uni gli altri con queste parole. 1Tess.4:16-18.
Dio lo ha sovranamente innalzato e gli ha dato un nome che è al di sopra di ogni nome, affinché nel nome di Gesù si pieghi ogni ginocchio delle creature celesti, (Angeli) terrestri (Uomini) e sotterranee(Demoni) e ogni lingua(Popoli, TUTTI!) confessi che Gesù Cristo è il Signore, alla gloria di Dio Padre. Fil. 2:9-1.
In lui abbiamo la redenzione mediante il suo sangue, il perdono dei peccati secondo le ricchezze della sua grazia, che egli ha riversata abbondantemente su di noi dandoci ogni sorta di sapienza e d'intelligenza, facendoci conoscere il mistero della sua volontà, secondo il disegno benevolo che aveva prestabilito dentro di sé, per realizzarlo quando i tempi fossero compiuti. Esso consiste nel raccogliere sotto un solo capo, in Cristo, tutte le cose: tanto quelle che sono nel cielo, quanto quelle che sono sulla terra. In lui siamo anche stati fatti eredi, essendo stati predestinati secondo il proposito di colui che compie ogni cosa secondo la decisione della propria volontà. Efes.1:7-11.
La Risurrezione dei morti
I morti che appartengono a Cristo saranno fatti risorgere dalla Sua potenza con un corpo simile al Suo e reso adatto allo stato eterno di comunione con Dio e di gioia senza fine. Per quanto riguarda i perduti, anch'essi saranno fatti risorgere,dopo il millennio,alla seconda resurrezione per il giudizio e per il castigo eterno. E vidi le anime di quelli che erano stati decapitati per la testimonianza di Gesù e per la parola di Dio, e di quelli che non avevano adorato la bestia né la sua immagine e non avevano ricevuto il suo marchio sulla loro fronte e sulla loro mano. Essi tornarono in vita e regnarono con Cristo per mille anni. Gli altri morti non tornarono in vita prima che i mille anni fossero trascorsi. Questa è la prima risurrezione. Beato e santo è colui che partecipa alla prima risurrezione. Su di loro non ha potere la morte seconda, ma saranno sacerdoti di Dio e di Cristo e regneranno con lui quei mille anni. Ap.20:4-6.

Luciano Sigismondi