.feed-links { display:none; } -->
Italy English Español Portugeus Belgium Netherland Français Deutsch Israel Seguci su: Twitter Seguci su: Facebook Seguci su: Twitter Instagram IN RETE DAL 2005

Perché Dio ha tanto amato il mondo che, ha dato il Suo Unigenito Figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia vita eterna. Giovanni 3:16 |

sabato 28 novembre 2009

06. Fede e credere

Differenza tra fede e credere

Introduzione :

Quante volte abbiamo creduto che avvenisse un miracolo, una situazione critica si sarebbe risolta, e ciò non è avvenuto? Eppure si pensava di avere fede! Cosa è successo?

ESEMPI:

1) Una donna si ammalò gravemente; era una donna che aveva pregato per molti malati; una vera donna d’intercessione. All’ospedale molti fratelli e sorelle gli chiesero se Dio l’avrebbe guarita; lei rispose certamente, io ho fede che Dio mi guarirà, la sua parola dice di pregare per gli ammalati ed essi guariranno ed io credo alla sua parola.

Dopo diversi mesi lei morì. Alcuni della chiesa rimasero delusi. Si chiedevano : questa donna ha avuto fede perché non è guarita? Perché il Signore non è intervenuto?

2) Un uomo dopo aver letto nella Bibbia: “L’Iddio mio supplirà ad ogni vostro bisogno” Decise di abbandonare il lavoro secolare per servire il Signore con sua moglie. Dopo diversi mesi la famiglia era piena di debiti. Perché? Avevano creduto ciò che la Bibbia diceva.

DEFINIZIONE DELLA “FEDE”

La fede è il fondamento dell’esperienza cristiana. Essa è il dono di Dio. (Efesini 2:8)

“Voi infatti siete stati salvati per grazia, mediante la fede, e ciò non viene da voi, è il dono di Dio”.

Essa è anche alla base per ricevere, crescere e arrivare alla purezza. (2 Pietro 1:5-8)

La dottrina della fede veniva già dichiarata dai profeti dell’Antico Testamento: “..Ma il giusto vivrà per la sua fede” (Habacuc 2:4)

Paolo scriveva : (Romani 14:23) “…or tutto ciò che viene da fede è peccato.”

Ancora nella lettera agli Ebrei 11:6 “Ora senza fede è impossibile piacergli, perché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che Egli è il rimuneratore di quelli che lo cercano”.

La fede non è e non può essere un emozione. Essa non è il frutto della nostra volontà o del nostro intelletto, è DIVINA.

La lettera agli Ebrei 11:1 dichiara: “Or la fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di cose che non si vedono”:

Quando uno ce l’ha lo sa! Lo sente fortemente dentro. Rimane però un dono di Dio. (Efesini 2:8)

Possiamo sperare e pregare che il Signore ci dia una certa cosa, ma come essere sicuri che la riceveremo? Possiamo avere la certezza (la fede è certezza di cose che si sperano) di ricevere quello che abbiamo chiesto solo se abbiamo la fede di Dio.

Dio mette fede nei nostri cuori perché si compia il suo piano, il suo scopo e affinché Lui stesso sia glorificato. Nell’Evangelo di Marco 11 narra un evento straordinario. Leggiamo (v.12-23)

C’è molta speculazione sulla fede. Molte religioni, anche una parte del mondo evangelico, insegnano che se tu hai fede puoi ottenere qualsiasi cosa. Una nuova macchina, una nuova casa, prosperità assoluta….Quasi come se la fede fosse uno strumento che possiamo utilizzare quando e come vogliamo.

Dobbiamo ricordare però che la fede è un dono che viene da Dio. L’unico modo per avere fede è che il Signore la metta nei nostri cuori. Egli però la da solo per le cose che sono secondo la Sua volontà. Per realizzare lo scopo del Suo cuore : Glorificare il Suo nome, attraverso la salvezza delle anime, la guarigione dei malati, attraverso dei potenti miracoli.

Se uno si muove in una direzione che non è quella di Dio, potrà credere con tutta la sua forza che tale situazione si risolverà; ma se non proviene da Dio, se ciò ha da parte sua un altro piano, Egli non darà la fede necessaria perché si compia un miracolo.

DEFINIZIONE DEL “CREDERE”

È fondamentale comprendere la differenza tra FEDE e CREDERE.

La grammatica italiana ci insegna a distinguere le varie parti di una frase. Per esempio, FEDE è un sostantivo (pertinente alla sostanza, esprime una sostanza,) CREDERE invece è un verbo.

Possiamo dire a qualcuno di CREDERE, ma non possiamo dire a nessuno di FEDERE. La parola fede non potrà mai essere un verbo perché è un sostantivo.

Un sostantivo si riferisce a persone, luoghi, cose o idee. La FEDE è sostanza. CREDERE è ben diverso è un verbo. Credere quindi è un azione; scegliamo di accettare e fidarci di quello il Signore ci dice Esso è un atteggiamento del cuore, la fede invece è una sostanza.

Differenza tra credere e aver fede.

Esempio: (Marco 9:23-25) “Signore, io credo; sovvieni alla mia incredulità”.

Questo padre andò dal Signore supplicandolo di guarire suo figlio. Credeva con tutto il suo cuore che Gesù poteva guarire le persone malte. Eppure gli mancava la FEDE di Dio perché la guarigione diventasse realtà. Per questo chiese al Signore di aiutarlo nella sua incredulità. Quando Gesù mise fede nel suo cuore il figlio fu istantaneamente guarito.

È molto importante credere ciò che Dio dice attraverso la sua parola. Nonostante ciò, dobbiamo capire che credere, non produce il miracolo desiderato. Spiegazione: Tutti noi crediamo che Dio guarisce ancora oggi, eppure non vediamo le guarigioni finché Dio n on mette fede nel nostro cuore (La sua fede)

Esempio: durante una riunione un Ministro potrebbe ricevere una parola di sapienza dal Signore. Dio vuole guarire una persona dall’artrosi…in quel momento specifico il ministro sta ricevendo qualcosa nel suo cuore. La sua risposta al Signore dovrebbe essere : “io credo che Tu puoi guarire questa sera, credo che mi stai parlando”. Poi annunciare dal pulpito: “Il Signore vuole guarire una persona malta di artrosi”.

Esempio del Pastore Yongi Choo. Durante una cena con delle parsone andò da una donna e le disse “Il Signore questa sera ti guarisce dalla tua infermità”. Quando la sorella ritornò a casa scoprì di essere completamente guarita dalla sua infermità.

Credere è un atto della nostra volontà, la fede invece è divina.

LOGOS E REMA

a) LOGOS: parola scritta di Dio, è l’intera Bibbia. Essa ci presenta il piano globale di Dio: per quanto riguarda la storia ,sulla salvezza dell’uomo, sul creato, su ciò che sarà il futuro….Il LOGOS è il principio razionale che opera nel mondo e costituisce il mezzo di comunicazione tra Dio e l’uomo.

Il LOGOS, è la seconda persona della Trinità nella persona di Gesù il figlio di Dio “E la Parola (Gesù) si è fatta carne ed ha abitato fra di noi….” (Giovanni 1.14)

Il LOGOS, per se stesso, non può fare nulla se non diventa Rema (Parola rivelata) nel cuore e nello spirito dell’uomo.

b) REMA: una porzione della parola di Dio rivelata allo spirito dell’uomo in una determinata circostanza o per compiere un opera specifica di Dio.

“La fede dunque viene dall’udire, e l’udire viene dalla Parola di Dio” (Luca 5:5-6)

Noi ascoltiamo la Parola di Dio (LOGOS) e per mezzo di essa riceviamo un REMA (rivelazione).

Gesù a Pietro : “<>. E Simone rispondendo gli disse: <>.

“Egli (Gesù) gli disse (a Pietro) vieni!(REMA) e Pietro sceso dalla barca camminò sulle acque>>”. (Matteo 14:29)

Non sempre le nostre richieste vengono esaudite secondo i nostri desideri, però Dio mette fede secondo la Sua volontà e i Suoi piani.

Due esempi biblici:

- La spina di dell’Apostolo Paolo: (2Corinizi 12:8-9)

- Gesù nel Getsemani: (Luca 22:39-46)

 ********************************************************************

Primo passo

Scoprire qual è la volontà di Dio – Rivelazione divina

Secondo passo

Risposta del nostro cuore alla sua volontà, confidare totalmente in lui

Terzo passo

Pregare efficacemente e insistentemente affinché si compia ciò che Dio ha promesso

Quarto passo

La fede che permette che le promesse di Dio diventino realtà visibili

 ********************************************************************

Come esempio di questo processo prenderemo in considerazione il Profeta Elia (1 Re18)

Al v.1 Dio parla al Profeta…Egli obbedì alla Parola e si presentò al re Acab, tuttavia la pioggia non scese solo perché Dio aveva parlato e il Profeta Elia aveva creduto. Allora cosa fece piovere?

Ai vv.41-44 troviamo la risposta. Dopo che Elia si era accertato della volontà di Dio e dopo aver creduto, pregò finche non ricevette fede nel suo cuore. Per fede disse ad al re Acab che doveva muoversi (v.41) Considerando che non pioveva da 42 mesi e che il cielo era completamente sereno e senza una nuvola, questa era una straordinaria manifestazione di fede rivelata.

Prima di tutto dobbiamo scoprire quale sia la volontà di Dio, in una determinata situazione, questo può avvenire attraverso una rivelazione personale, attraverso una predicazione, attraverso una profezia, attraverso la meditazione della parola scritta (LOGOS)….Secondo e credere nel Signore muovendoci in obbedienza. Terzo pregare fino alla vittoria. Bisogna pregare fino a ricevere la fede di Dio nei nostri cuori per compiere il miracolo o affinché la volontà di Dio si compia.

Nessun commento:

Posta un commento